Top_menu

- Vaccini genomici -

  • Facebook
  • Twitter
  • Email
Al via la generazione dei vaccini genomici

L’università Statale di Milano ha ideato e sviluppato un nuovo metodo per creare vaccini più sicuri e più stabili, a partire dalle informazioni contenute nel Dna e basandosi su una combinazione di metodi sperimentali e di simulazioni al computer. La scoperta è stata pubblicata sulla rivista scientifica Structure e, secondo i suoi autori, «rappresenta il primo caso in Italia di scoperta e analisi di antigeni secondo il nuovo approccio della vaccinologia strutturale».

Il team, in collaborazione con il Cnr, ha elaborato «un approccio nettamente distinto dai metodi tradizionali»: se di norma ci si basa sulle caratteristiche dell’agente patogeno, di solito virus o batteri depotenziati, stavolta si è scelta la strada del Dna e della simulazione al computer. Studiando le forme 3D delle proteine del batterio o del virus, si trovano i punti d’attacco degli anticorpi, cioè le porzioni che attivano le difese immunitarie.

«Rispetto alla vaccinologia tradizionale ­ spiegano i ricercatori ­ quella strutturale mira a produrre antigeni protettivi in modo più rapido, privi dei pericoli associati ai microrganismi attenuati». È così che i ricercatori hanno isolato e caratterizzato un antigene del patogeno Burkholderia pseudomallei, responsabile della melioidosi: si tratta di una malattia di difficile diagnosi, spesso fatale, endemica nelle zone tropicali del Sud­Est asiatico.

Commenta il professor Martino Bolognesi: “Anche se manca ancora una tappa per giungere ad avere il vaccino vero e proprio, si tratta del primo studio che ha dimostrato la fattibilita’ del metodo, validando le diverse fasi sperimentali che compongono la vaccinologia strutturale. Per la prima volta abbiamo identificato e prodotto epitopi sintetici basandoci unicamente sullo studio della struttura e delle proprietà biofisiche di una proteina. Questo lavoro introduce un nuovo modello di sviluppo generale, sia nel campo della progettazione di vaccini che in quello della produzione di diagnostici.”

, ,

No comments yet.

Lascia un Commento


− 3 = cinque

Powered by WordPress. Designed by Woo Themes

Email
Print