Top_menu

- Non è un Paese per giovani -

  • Facebook
  • Twitter
  • Email

Ha ragione chi sostiene che la morte di Norman Zarcone non è un suicidio ma un omicidio, che pesa come un macigno sulle coscienze di quella politica arida, attenta solo a se stessa e non al futuro dei giovani”. Lo dice Flavio Arzarello, coordinatore nazionale della Fgci, l’organizzazione giovanile del Pdci, commentando il suicidio del dottorando di Palermo Norman Zarcone. “Noi sappiamo – continua – chi sta ammazzando i sogni di intere generazioni: gli impavidi vestiti da politici, le svariate cricche che governano il nostro Paese, i burattinai vestiti da Cesare e tutti quelli che fingono di volere il nuovo affinché nulla cambi”. “La situazione che stava vivendo Norman – aggiunge – è quella che attraversa la maggioranza dei dottorandi italiani: le punte di eccellenza delle nostre università hanno visto progressivamente cancellato il diritto a un futuro decente. Il ministro Gelmini ed il governo Berlusconi, che hanno enormi responsabilità di questa situazione, tra tagli e privatizzazioni, si chiedano se l’Italia che abbandona al loro destino le sue menti migliori è oggi un Paese civile”.

Mi chiedo come possiamo assistere passivamente a cose come questa. Non voglio mitizzare un suicidio, non l’ho mai ritenuto un atto eroico ma di disperazione; ma è questo che non tollero, che si portino giovani alla disperazione, che si rendano i giovani sempre più fragili, che gli si tolga la speranza in un futuro nel quale vedere il tentativo di realizzare i propri progetti. Vediamo fuggire i nostri giovani da questo Paese e vogliamo ancora illuderci che non sia colpa nostra? Di noi “vecchi” che diciamo che la colpa è sempre degli altri che non ci capiscono, di questi giovani che hanno perso interessi, che non hanno ideali, che non fanno politica. Ma ci siamo guardati intorno usando i loro occhi? Cosa vediamo? Disoccupazione, malasanità, malaffare, corruzione e poi un numero vergognoso di raccomandati, mignotte e prostituti ….. E’ il mondo che abbiamo costruito noi “vecchi” e che per fortuna a molti di loro di non piace, Piace invece a quelli della Destra conservatrice, a quelli della Sinistra riformista, a quelli del Nord “padanizzato”, a quelli del Sud “malaaffaristico” .

Allora cari giovani avete solo da scegliere tra fuggire da questo Paese di vecchi o combattere contro di loro per fare emergere le vostre energie e le vostre idee; sono convinto che tra noi “vecchi idealisti” riuscirete a trovarne tanti che la pensavano come loro ed ora vi saranno di sostegno. Comunque sia NON SUICIDATETEVI, ma fate sentire sempre più forte la vostra voce.

No comments yet.

Lascia un Commento


− 1 = quattro

Powered by WordPress. Designed by Woo Themes

Email
Print