Top_menu

- L’effetto placebo -

  • Facebook
  • Twitter
  • Email

placeboI medici sanno bene che alcune persone si sentono meglio quando “credono” di assumere un farmaco, mentre in realtà assumono un pò di zucchero. Questo si chiama “Effetto placebo“.   Ciò che mi interessa di questo effetto, è che costituisce una prova della capacità di guarigione del corpo attraverso la mente.  Quindi le nostre percezioni, vere o false che siano, hanno lo stesso impatto sul nostro comportamento e sul nostro corpo.  Solo per questo semplice fatto l’effetto placebo dovrebbe essere uno dei temi più importanti tra quelli trattati nelle facoltà di Medicina e Chirurgia.  Al contrario se ne parla in maniera superficiale, legandolo, quando va bene, a pazienti deboli e facilmente suggestionabili; quando si è più critici viene associato a medici fasulli o imbroglioni.   La medicina non dovrebbe sottovalutare in maniera dogmatica il potere della mente come qualcosa di insignificante rispetto allo strapotere della chimica e della chirurgia. Senza tenere conto che, se si riuscisse a capire come utilizzare l’effetto placebo come strumento terapeutico da gestire a piacimento, i medici avrebbero a disposizione uno strumento efficace fondato sull’energia e per questo totalmente privo di effetti collaterali.  Ma se l’effetto placebo si potesse utilizzare come base della “terapia energetica“si darebbe alla mente l’ufficialità accademica di poter guarire il corpo; in questo caso perchè andare dai medici? E cosa ancora più importante perchè assumere i farmaci che ci prescrivono?  Allora il problema non è solo dogmatico, ma anche economico, coinvolge la Industrie Farmaceutiche, che guarda caso, studiano i pazienti che rispondono positivamente all’assunzione dello zucchero (placebo), al solo scopo di “escluderli” dalle loro sperimentazioni cliniche.  Quindi l’efficacia del placebo è una minacci per l’Industria Farmaceutica, ed essa risolve il problema in maniera definitiva: lo elimina!

La guarigione di un buon terzo dei pazienti, quando i medici facevano i salassi, usavano l’arsenico sulle ferite o usavano l’olio di ricino, rimedi totalmenti inutili, se non peggiorativi della salute del paziente, non era forse dovuto all’effetto placebo legato al credere fortemente che ciò che il paziente faceva era per la sua mente la migliore terapia?  Ma facciamo un’altra considerazione: se l’effetto placebo, quindi la convinzione di prendere unMelanconia  G.De Chiricoquali effetti possono avere i pensieri negativi sulla nostra vita?

4 Responses to - L’effetto placebo -

  1. Marco Pericci 24 dicembre 2009 at 01:31 #

    E' un argomento che mi ha sempre interessato.

    Non ci sono mai stati studi rigorosi per riuscire a "utilizzare" l'effetto Placebo?
     
    E già che ci sono.. hai mai sentito parlare del dott.Kramer e dei suoi studi sull'origine psicologica dei tumori? Lui faceva risalire i tumori a traumi o eventi che hanno segnato la vita delle persone. Ed associava ogni singola patologia oncologica a specifiche situazioni vissute nel passato. Kramer è stato poi radiato dall'ordine e incarcerato se non ricordo male. Non c'è nessuno che ha proseguito su quel solco tracciato..?

  2. Marco Pericci 24 dicembre 2009 at 01:34 #

    df

  3. Marco Pericci 24 dicembre 2009 at 13:09 #

    Mi ha sempre incuriosito questo tipo di effetto, anche se spesso ne sento parlare come una cosa misteriosa, quasi esoterica. La domanda che pongo è: ci sono mai stati studi rigorosi che hanno cercato di capire come "utilizzare" l'effetto Placebo?
    Altra domanda simile riguarda alcune cose che avevo letto riguardo al dott.Kramer che forse conoscerai. E' quel dottore radiato dall'albo dei medici in Francia (e/o Germania) e poi incarcerato perchè accusato di aver ucciso i suoi pazienti somministrando loro cure "non convenzionali". Secondo Kramer anche le patologie oncologiche potrebbero provenire dal cervello, in particolare lui collegava il sorgere dei tumori a vicissitudini d'infanzia o episodi traumatizzanti vissuti dal soggetto durante la sua vita. Può avere un senso? Ci sono altri filoni di studio in quella direzione, magari all'interno della medicina "non ufficiale"?
     
    Grande Maurizio! ;)

  4. Marco Pericci 26 dicembre 2009 at 20:52 #

    Mi ha sempre incuriosito questo tipo di effetto, anche se spesso ne sento parlare come una cosa misteriosa, quasi esoterica. La domanda che pongo è: ci sono mai stati studi rigorosi che hanno cercato di capire come "utilizzare" l'effetto Placebo?

    Altra domanda simile riguarda alcune cose che avevo letto riguardo al dott.Kramer che forse conoscerai. E' quel dottore radiato dall'albo dei medici in Francia (e/o Germania) e poi incarcerato perchè accusato di aver ucciso i suoi pazienti somministrando loro cure "non convenzionali". Secondo Kramer anche le patologie oncologiche potrebbero provenire dal cervello, in particolare lui collegava il sorgere dei tumori a vicissitudini d'infanzia o episodi traumatizzanti vissuti dal soggetto durante la sua vita. Può avere un senso? Ci sono altri filoni di studio in quella direzione, magari all'interno della medicina "non ufficiale"?



    Grande Maurizio! ;)

Lascia un Commento


nove − 1 =

Powered by WordPress. Designed by Woo Themes

Email
Print