Top_menu

- La ricerca della felicità -

  • Facebook
  • Twitter
  • Email

La ricerca della felicità

Nel 2015 le malattie psichiche più diffuse nella popolazione italiana saranno depressione e ansia e potrebbero riguardare addirittura un italiano ogni quattro. A dirlo è la Federazione Nazionale delle Strutture Comunitarie Psico-Socio-Terapeutiche, ovvero le comunità che si occupano della cura del disagio psichico. Le categorie considerate più a rischio dagli esperti sono i giovani fino a 25 anni (l’80% dei casi di disagio psichico infatti ha gli esordi entro questa età) e le donne, che hanno il doppio delle probabilità di ammalarsi di depressione rispetto agli uomini, mentre ragazze giovani e giovanissime, tra i 12 e i 20 anni, restano le più esposte al pericolo di manifestare disturbi alimentari.

Le stime prevedono che 3.300.000 italiani potrebbero soffrire di disturbi d’ansia, 2.100.000 si troverebbero a lottare con depressione e disturbi dell’umore e 1.200.000 connazionali sarebbero alle prese con disturbi del comportamento alimentare. «Un’emergenza silenziosa e trascurata, che avrà anche un costo sanitario e sociale enorme: per intenderci, superiore a quello delle malattie cardiovascolari e dei tumori – dice Giovanni Giusto, presidente nazionale di Fenascop – e si tratta di numeri destinati a crescere, a cui va fin d’ora aggiunto un 10% della popolazione che soffre di disagi psichici lievi, fra cui i disturbi del sonno oppure lievi attacchi di panico, che potrebbero però essere sintomi iniziali di altre patologie».

Le cause di questo sempre più diffuso disagio? Tante, dal crollo delle certezze a causa della crisi economica ai cambiamenti nella società: famiglie e coppie che si spezzano in primis, vicende che hanno spesso come conseguenza una crescente “solitudine”, oltre al potenziale disagio dei figli. E poi i ritmi di vita frenetici, i cambi delle abitudini che favoriscono l’isolamento, lo stress. Infine, l’invecchiamento della popolazione, che incide soprattutto con un incremento delle persone colpite da demenza e Alzheimer, con tutte le problematiche connesse a queste malattie. Secondo molti esperti, poi, l’aumento dei casi di disagio psichico è in parte legato anche a una crescente attenzione e sensibilità delle persone verso la salute mentale e in particolare verso quei disturbi meno eclatanti che negli anni passati non venivano riconosciuti.

 

, , ,

No comments yet.

Lascia un Commento


4 − tre =

Powered by WordPress. Designed by Woo Themes

Email
Print