Top_menu

- Il “flop” della vaccinazione H1N1 –

  • Facebook
  • Twitter
  • Email

Dopo una campagna mediatica per convincere la popolazione della necessità del vaccino contro l’influenza H1N1, assistiamo ad una mancata adesione alla vaccinazione di una gran parte della popolazione. Le persone non sono convinte dell’efficacia, della necessità e soprattutto della sicurezza di questo vaccino; in altre parole hanno paura che ciò che gli è stato detto non sia la verità. Ancora una volta è la paura che spinge verso una decisione o l’altra. Questa volta la paura ha fatto prendere a molti di noi la decisione giusta. Siamo partiti dall’incertezza dei medici circa la sicurezza e la necessità del vaccino che li ha portati a rifiutare loro stessi la vaccinazione. C’è stata poi la paura delle mamme a fare il vaccino ai loro figli, per altro già sottoposti a tante vaccinazioni sin dalla nascita. Poi la paura di vaccinarsi delle donne in gravidanza, non si sentono sicure di non arreccare danni al bambino che sta crescendo nel loro ventre.

In questo clima sono arrivate le notizie dei governi che rifiutano di fare la vaccinazione di massa alla loro popolazione; notizie di reazioni avverse dopo la somministrazione del vaccino, notizie del ritiro da parte delle aziende produttrici di stock di vaccini considerati pericolosi. Di fronte a tutte questo come si deve comportare il singolo cittadino? Risponderà in maniera emotiva, senza elaborare concetti ragionati; ad una emozione recepita come paura reagirà con una fuga, emozione di risposta ad un’altra emozione.

Questa è un’altra dimostrazione che, così come nella politica e nell’ organizzazione della cosa pubblica, anche nella gestione della salute dei cittadini manca la “trasparenza”. Si preferisce fare leva sui sentimenti e le emozioni, nella speranza che le azioni in risposta a tutto ciò, si basino solo sulla fiducia non riflessiva ma emozionale. Questa volta i cittadini non hanno creduto nemmeno a “Topo Gigio”, un tempo fonte di sicurezza per tanti bambini.

Ma ha un senso farsi trattare ancora come bambini, anche se cresciuti?  Questa volta la risposta è stata NO!!


No comments yet.

Lascia un Commento


8 − cinque =

Powered by WordPress. Designed by Woo Themes

Email
Print