Top_menu

Caso Avastin-Lucentis

  • Facebook
  • Twitter
  • Email
L’Antitrust arriva al giudizio sul caso Avastin-Lucentis
Due grandi aziende farmaceutiche, Roche e Novartis, hanno battuto il record delle multe mai comminate dall’Antitrust, anche se probabilmente ne avrebbero fatto a meno. Ammonta a 180 milioni la sanzione dell’autorità Garante della concorrenza e del mercato, ed è legata ad “un’intesa restrittiva della concorrenza, contraria al diritto comunitario nel mercato dei farmaci per la cura di gravi patologie vascolari della vista”. Proprio a causa di questo approccio, scrive sempre nel proprio giudizio l’Antitrust, ci sarebbero stati un pesante impatto a carico delle opportunità di cura per molti malati e soprattutto una crescita della spesa pari a 45 milioni di euro nel solo 2012. Per non parlare ovviamente di quelli che potrebbero essere i costi futuri per questo approccio. In sintesi ecco quanto viene addebitato alle due aziende. Grazie al loro accordo Roche e Novartis avrebbero in pratica mirato a rendere più complesso l’impiego di un farmaco di Roche, Avastin, per l’indicazione nel trattamento della degenerazione maculare senile, aprendo invece la strada ad un prodotto molto più costoso, Lucentis, messo a disposizione da Novartis. A far partire le attività dell’Antitrust è stata tra le altre un’iniziativa della regione Emilia-Romagna che nel 2009 ha dato il via libera per l’uso di Avastin agli oculisti, nonostante si trattasse di un impiego off-label. Da quella decisione sono poi scaturite moltissime polemiche e prese di posizione, che oggi paiono superate alla luce della sentenza dell’Antitrust. Va comunque ricordato che sia Novartis che Roche respingono le accuse, annunciando ricorsi al Tar. Ma è importante registrare il punto di vista dell’Aifa, che parla addirittura di “sentenza storica”.
No comments yet.

Lascia un Commento


sette − 4 =

Powered by WordPress. Designed by Woo Themes

Email
Print